IMU anno 2020 – Pagamento entro il 16/09/2020 senza sanzioni e interessi della prima rata scaduta il 16 giugno 2020

Aliquote e detrazioni IMU per l’anno 2020
IMU anno 2020 – Pagamento entro il 16/09/2020 senza sanzioni e interessi della prima rata scaduta il 16 giugno 2020

In considerazione degli effetti connessi all'emergenza sanitaria da Covid-19, non verranno applicati sanzioni e interessi nel caso di versamenti della prima rata dell’IMU anno 2020 (scaduta il 16/06/2020) effettuati entro il 16 settembre 2020.

Prendendo atto della Risoluzione del Ministero dell'Economia e delle Finanze n. 5/DF del 08/06/2020, l’agevolazione non si applica alla quota statale del tributo (deliberazioni della Giunta Comunale n. 57 del 08/96/2020 e n. 62 del 22/06/2020).

La deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 29/07/2020, di presa d’atto di tutte le deliberazioni della  Giunta Comunale relative a misure adottate in materia di entrate tributarie e non tributarie comunali per contenere gli effetti dell’emergenza da Covid-19 e di introduzione di ulteriori agevolazioni tariffarie TOSAP per l’anno 2020, è pubblicata all'albo pretorio on line, link http://www.comune.ozzano.bo.it/servizi-online/albo-pretorio-line-0

 

Calcolo IMU 2020 on line

Per il calcolo della prima rata dell’IMU per l’anno 2020 e stampa modello F24 personalizzato per il versamento, è disponibile gratuitamente il servizio di Calcolo IMU 2020 on line - Calcolo ravvedimento operoso IMU e TASI anni precedenti, link:  https://www.riscotel.it/calcoloiuc/?comune=G205

 

IMU 2020 (versamento con modello F24. Non vengono recapitati avvisi)

 

La Legge n. 27.12.2019, n. 160 ha abolito, a decorrere dal 1° gennaio 2020, la IUC in vigore fino all’anno 2019 ed ha nuovamente disciplinato l’IMU con le disposizioni contenute all’art. 1, commi da 738 a 783.

La “nuova” IMU si applica, sostanzialmente, ai medesimi immobili cui si applicavano, fino al 2019, le componenti IMU e  TASI  della IUC.

 

Il calcolo della prima rata (acconto) dell’IMU dovuta per l’anno 2020 deve essere effettuato utilizzando le aliquote IMU e TASI approvate per l’anno 2019.

L’importo della prima rata da corrispondere è quindi pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e/o di  TASI per l'anno 2019.

Per le aliquote e detrazioni IMU vigenti nell’anno 2019, link: http://www.comune.ozzano.bo.it/aree-tematiche/entrate-e-tributi/tributi/imu

Per le aliquote TASI vigenti nell’anno 2019, link: http://www.comune.ozzano.bo.it/aree-tematiche/entrate-e-tributi/tributi/tasi

 

La seconda rata IMU, a saldo dell'imposta dovuta per l’anno 2020, con scadenza 16 dicembre 2020, dovrà essere calcolata sulla base delle aliquote deliberate per l’anno 2020, con conguaglio sulla prima rata.

 

Il Consiglio Comunale, con deliberazioni n. 44 e  n. 45 del 29/07/2020, ha adottato il nuovo regolamento e le aliquote e detrazioni IMU per l’anno 2020.

Gli atti sono pubblicati all'albo pretorio on line, link http://www.comune.ozzano.bo.it/servizi-online/albo-pretorio-line-0

 

Le aliquote e detrazioni IMU approvate per l’anno 2020 sono invariate rispetto alle aliquote e detrazioni IMU e le aliquote TASI in vigore nell'anno 2019, fatta eccezione per la seguente misura specifica, adottata per contenere gli effetti dell’emergenza da Covid-19, a sostegno delle attività economiche esercitate in locali in locazione:

previsione di una aliquota agevolata dello 0,76% per unità immobiliari appartenenti alla categoria catastale A/10, C/1, C/3, effettivamente utilizzati da soggetti terzi, in base a regolare contratto, per lo svolgimento di attività di impresa, arti, professioni, istituzionalia condizione che il canone annuo di locazione venga rinegoziato in diminuzione in misura di almeno il 10% del canone entro il 31 ottobre 2020, rispetto a quello pattuito per l'anno precedente, diminuendo da 0,90% a 0,76% l'aliquota applicabile nel 2019 ed ampliando le attività esercitate agevolabili da “attività di commercio al dettaglio e artigianato di servizi “ a  “attività di impresa, arti e professioni”.

 

Esenzioni dall’IMU per i settori del turismo e dello spettacolo

in considerazione degli effetti connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19

 

Come previsto dall’art. 177 del D.L. 19/5/2020, n. 34, convertito dalla Legge 17/07/2020, n. 77, non è dovuta la prima rata dell’IMU 2020, relativa a:

a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali; 

b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;

b-bis) immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell'ambito di eventi fieristici o manifestazioni.

 

Come previsto dall’art. 78 del D.L. 14/08/2020, n. 104, per l'anno 2020non è dovuta la seconda rata dell’IMU  relativa a:

a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;

b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e relative pertinenze, immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù', dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;

c) immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell'ambito di eventi fieristici o manifestazioni;

d) immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;

e) immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night-club e simili, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

 

L'IMU non è dovuta per gli anni 2021 e 2022 per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate

 

Allegati

-  Regolamento_IMU_dal_2020_def_.pdf

-  Aliquote_e_detrazioni_IMU_2020_all_CC_n_45_29lug2020.pdf

 

Link:

-   https://www.riscotel.it/calcoloiuc/?comune=G205

-   www.comune.ozzano.bo.it/aree-tematiche/entrate-e-tributi/tributi/imu

-   http://www.comune.ozzano.bo.it/servizi-online/albo-pretorio-line-0

Data dell'articolo: 

11 Settembre 2020

Note: 

Come contattare il Servizio Unico Entrate

Nel rispetto delle misure di contenimento del contagio da Covid-19, il Servizio Unico Entrate riceve il pubblico SOLO SU APPUNTAMENTO e se non è possibile provvedere tramite telefono o posta elettronica, nei giorni:

    martedì ore 9.00-12.30 e 15.00-18.00

    giovedì ore 9.00-12.30

Per contattare il Servizio Unico Entrate:

Telefono 051791334 -  e-mail: entrate@comune.ozzano.bo.it