Decesso di un familiare

Denuncia di morte

  • Se il decesso è avvenuto in abitazione i familiari devono chiamare il medico curante o la guardia medica per verificare la causa del decesso e devono avvisare, personalmente o mediante un'Impresa di Onoranze funebri, il Servizio Igiene Pubblica dell'Azienda Sanitaria Locale - Distretto di San Lazzaro di Savena, che procederà al rilascio delle relative certificazioni e l'Ufficiale di Stato Civile al fine della denuncia di morte (al di fuori dell'orario d'ufficio tel. 3204393254)
  • Se il decesso è avvenuto in Ospedale o in casa di Cura, agli adempimenti relativi all'accertamento del decesso ed alla denuncia di morte provvederà l'Amministrazione Ospedaliera dei detti Enti;
  • Se il decesso avvenuto in altro Comune diverso da quello di residenza, al fine di rilasciare certificati di morte, occorrono alcuni giorni necessari alla trascrizione dell'atto dal Comune dell'evento al Comune di residenza. 

 

Documentazione 

Per gli adempimenti connessi, è prassi consolidata avvalersi della possibilità concessa dalle normative di delegare un'Impresa di Onoranze funebri autorizzata. L'Impresa di Onoranze funebri provvederà direttamente a denunciare il decesso all'Ufficio di Stato Civile.

Per la denuncia di morte da effettuare presso l'Ufficio di Stato Civile del luogo ove è avvenuto il decesso, entro 24 ore dal decesso è necessario presentare:

  • Scheda ISTAT compilata da parte del medico curante;
  • Certificato di accertamento del decesso compilato dal medico igienista (necroscopo) dell'Azienda Sanitaria Locale, che viene rilasciato dopo 15 ore dal decesso.

 

Effettuata la denuncia di morte, l'Ufficiale di Stato Civile rilascia l'autorizzazione alla sepoltura.
Contestualmente al rilascio del permesso di seppellimento si concordano anche giorno ed ora per il funerale e la conseguente tumulazione o inumazione. 

 

 

Cremazione

Le persone che intendono farsi cremare possono richiedere l'iscrizione ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati o, in alternativa, manifestare la volontà di essere cremate in un testamento.
In mancanza di un testamento, la volontà di procedere alla cremazione deve essere manifestata all'ufficiale di stato civile del Comune in cui è avvenuto il decesso, con una dichiarazione resa dal coniuge o, in assenza, dal parente di grado più stretto individuato ai sensi del Codice Civile.
Se ci sono più parenti dello stesso grado, tutti devono esprimere il proprio assenso alla cremazione. 

Note: 

Responsabile Settore: Virianna Vinci

Responsabile Servizio: Gloria Librenti