Non siamo soli

Riflessioni dell'Assessore al Bilancio Matteo Di Oto sull'impatto del Coronavirus sulle casse comunali e i provvedimenti previsti a sostegno di cittadini e imprese, che spaziano dalla proroga dei termini per i pagamenti dei tributi locali fino a benefici e riduzioni per famiglie e attività produttive
L'Amministrazione Comunale ha messo in campo una serie di provvedimenti per contrastare la crisi innescata dal Coronavirus - Foto di andreaooi da Pixabay

Il testo che viene riportano in calce è tratto dalla relazioni illustrata nel corso del Consiglio Comunale del 29.07.2020

 

Non siamo soli

La seduta del Consiglio Comunale del 29 luglio è stata l’occasione per presentare una prima ricognizione degli effetti dell'emergenza sanitaria COVID-19 sul bilancio dell’ente.
L'approvazione della salvaguardia degli equilibri generali di bilancio, del regolamento e tariffe TARI, del regolamento e aliquote IMU oltre le numerose delibere di Giunta adottate dal mese di marzo ad oggi, sono state adottate dall'amministrazione comunale con l'obiettivo principale di tutelare le famiglie, le imprese e gli equilibri di bilancio .
L’attività politica e le azioni intraprese dalla Giunta in questi mesi, di seguito sintetizzate, sono state al centro del confronto costante e costruttivo con tutte le parti sindacali  e sono state realizzate grazie alla unanime sintonia della Giunta, guidata dal Sindaco Luca Lelli, al coordinamento indispensabile di tutti i responsabili dei settori e al lavoro quotidiano di tutti i dipendenti del nostro Comune che hanno continuato  ad erogare i servizi senza compromettere la tutela della salute pubblica.
I dati ad oggi disponibili ci restituiscono un quadro non definitivo degli effetti dell’emergenza sanitaria perché molti servizi sono oggetto di ri-programmazione in queste settimane. Mi riferisco ad esempio a tutti servizi rivolti ai nostri bambini e ragazzi in particolare per i servizi scolastici ed extra-scolastici. Tale ri-progettazione è condizionata dalle costanti modifiche della normativa nazionale e regionale in materia ed è condotta in piena collaborazione con l'Istituto comprensivo di Ozzano con l'obiettivo di avviare regolarmente tutta l’attività didattica senza trascurare la tutela della salute dei nostri bambini e dei nostri ragazzi.

Termini di pagamento
Al fine di semplificare e uniformare gli adempimenti, l'amministrazione ha stabilito il termine di pagamento di tutti i tributi al 16 settembre e di non applicare sanzioni e interessi a tutti i pagamenti eseguiti entro il 2 dicembre.
Per quanto riguarda l’imposta municipale propria i termini sono stabiliti dalla norma nazionale per il 16 giugno il pagamento della prima rata e il 16 dicembre il pagamento della seconda rata, mentre per l’aliquota comunale  l'amministrazione ha deciso  di non applicare interessi e sanzioni ai pagamenti eseguiti entro il 16 settembre relativi alla prima rata.
Presentiamo in sintesi l’impianto tributario per l’anno 2020 e ci soffermiamo sui singoli provvedimenti adottati nell’ottica di sostenere le famiglie e le imprese colpite degli effetti economici negativi dalla epidemia.

TARI
In merito alla tassa rifiuti il punto di riferimento normativo sono i provvedimenti adottati da Arera (autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente) e ATERSIR (l’ente di governo dell'ambito dove sono rappresentati gli enti locali).
In merito alle tariffe la scelta dell’Amministrazione comunale stata quella di confermare per l’anno 2020 le tariffe adottate per l’anno 2019. Nello stesso tempo abbiamo previsto delle riduzioni tariffarie sia per le utenze domestiche che per le utenze non domestiche.
Per le utenze domestiche è prevista una riduzione del 50% per i nuclei familiari in possesso di requisiti Isee pari a 8.265,00 €.
Per le utenze non domestiche il quadro è articolato in quanto la sospensione delle attività economiche è stata diversificata:

  • è prevista una riduzione, calcolata d’ufficio, del 50% per le utenze classificate come scuole e servizi scolastici;
  • è prevista una riduzione, calcolata d’ufficio, del 25% per tutte quelle utenze identificate con il codice ATECO come da tabella allegata per le attività chiuse;
  • è prevista una riduzione del 25% applicata solo a richiesta di parte entro il 16 settembre, per tutte quelle utenze non domestiche indicate nella delibera ARERA allegata, con lo specifico codice ateco che risultano aperte fatte salve le eventuali misure di contenimento più restrittive adottate dal governo regione o altre ordinanze.

Occorre sottolineare l'enorme lavoro fatto dall’ufficio, e per questo li ringrazio, per districarsi dalla non facile maglia dei numerosi provvedimenti normativi emanati in questi mesi sia dal governo che dalle autorità nazionali.
In termini economici le riduzioni previste per la tassa sui rifiuti impatta sul Bilancio e sulla fiscalità generale del bilancio per un importo di circa 300.000,00 € in parte finanziato con dei maggiori accertamenti per l’anno 2019.

IMU

La legge di bilancio del 2020 ha interamente riscritto la disciplina dell’imposta municipale propria, pertanto il consiglio comunale ha adottato il nuovo regolamento e ha definito le aliquote del 2020 replicando quelle adottate del 2019.
In questa sede è importante sottolineare tre punti:

  • In tema di nuove attività imprenditoriali e di lavoro autonomo l’amministrazione ha scelto di riproporre una provvedimento già in essere anche lo scorso anno ovvero quello di prevedere un’aliquota ridotta, per tre anni,  per gli immobili posseduti e utilizzati per lo svolgimento di nuove attività;
  • Passando ad un provvedimento voluto dall’amministrazione più propriamente per fronteggiare gli effetti economici negativi dell’emergenza sanitaria, riguarda gli immobili di categoria catastale A10 - C1 - C3 ovvero uffici, negozi e laboratori artigianali utilizzate da soggetti terzi con un contratto di affitto per svolgere attività di impresa, arti, professioni , attività istituzionali, per i quali è prevista un’aliquota ridotta, a condizione che il canone di locazione venga rinegoziato con una diminuzione almeno del 10% rispetto a quello dell’anno precedente. A differenza di quanto previsto per il 2019 abbiamo ulteriormente abbassato l'aliquota e ampliato la platea dei potenziali beneficiari.
  • Il terzo punto su cui richiamo l’attenzione riguarda una novità ovvero  l’esenzione per l’anno 2020, dal pagamento dell’aliquota comunale dell’IMU per tutti gli immobili ceduti in comodato gratuito al Comune.

L'obbiettivo è stimolare tutti i proprietari di immobili in particolare quelli inutilizzati al fine di intraprendere un rapporto contrattuale con l’ente locale per rispondere alle potenziali esigenze dell’ente.
L’impatto economico in merito alle mancate entrate, sia in seguito delle riduzioni introdotte sia in seguito delle difficoltà economiche delle famiglie e delle imprese, sarà quantificabile solo dopo il 16 settembre, termine per il pagamento della prima rata.

TOSAP
In tema di occupazione permanente e temporanea l’amministrazione ha recepito quanto previsto dalla norma nazionale ovvero esenzione per le occupazioni dal 1 maggio al 31 ottobre solo alle imprese di pubblico esercizio (ad esempio i bar) mentre, con provvedimento adottato
dall'Unione Savena Idice, ha ritenuto di dover ampliare la platea dei beneficiari della riduzione a tutte le attività commerciali in generale e artigianali di produzione alimentare, compresi gli ambulanti dei mercati settimanali.
Pertanto l’amministrazione ha previsto di confermare per il 2020 le tariffe vigenti nel 2019 ma nello stesso tempo di applicare una riduzione pari al 75% (comprensiva degli esoneri disposti dalla normativa nazionale).
L’impatto sul bilancio comunale a seguito della riduzione riconosciuta dall’amministrazione comunale è pari a una minore entrata di 42.000 € solo in parte coperta dal fondo statale.

Fondo per le imprese
In tema di aiuti economici adottati dall’Amministrazione comunale per fronteggiare gli effetti economici negativi della COVID-19, è rilevante richiamare l’iniziativa intrapresa, seppure non di natura tributaria, di destinare a favore delle imprese un sostegno finanziario di 80.000 €. Tale stanziamento è stato trasferito all’Unione dei Comuni che si è occupata, per competenza, della redazione del bando e dell'erogazione del bonus in corso in questi giorni previa verifica dei requisiti.

Infrastrutture scolastiche
Sul tema servizi scolastici è importante sottolineare che il nostro territorio ha ricevuto quota parte del fondo statale pari a  70.000 € per interventi di adeguamento e adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza all’emergenza sanitaria da COVID-19 .Tutti i singoli interventi sono oggetto di valutazioni in questi giorni del tavolo tecnico fra amministrazione e Istituito Comprensivo. 

Gli effetti del Covid sul Bilancio
Volendo riassumere per semplificare e per sintetizzare, salvo rinviare agli atti approvati in Consiglio, gli effetti del Covid sul bilancio in salvaguardia  dell’ente si possono così riassumere:
Le minori entrate previste dei responsabili dei singoli settori sono pari a un totale di oltre 800.000 €.
Sono ricomprese le riduzioni previste dal complessivo quadro tributario per aiutare famiglie e le imprese in forma di riduzioni oltre alle minori entrate relative, ad esempio alle sanzioni al codice della strada (pari a -250.000 €),  le minori entrate per Asilo Nido, pre/post Scuola, centri estivi (per un totale di oltre -180.000 €).
- Le minori spese per minori servizi erogati causa del COVID-19 per un totale di -125.000 €.
In tema di maggiori spese il quadro delineato in salvaguardia va integrato con i provvedimenti adottati da febbraio a luglio e dalla giunta comunale nelle variazioni di bilancio. Quelle più rilevanti riguardano gli interventi di acquisto di acquisto di dispositivi di prevenzione individuale per la cittadinanza e per i dipendenti oltre che le spese di pulizia e sanificazione di tutti gli edifici pubblici.
- Le maggiori entrate previste sono da inquadrare all’interno dei fondi nazionali e regionali a sostegno delle amministrazioni comunali in parte già incassati. Sul punto è in corso una certosina attività di rendicontazione quotidiana indispensabile per poter utilizzare la totalità dei fondi in fase di assegnazione.

Vengono previsti in sintesi:
- oltre 590.000 € dal fondo statale, di cui oltre 200.000 € sono già stati incassati. Il totale potrebbe essere superiore in base al provvedimento emanato venerdì u.s. in fase di verifica,
- 22.000 € sono stati riconosciuti dalla regione Emilia-Romagna per i servizi educativi per l’infanzia,
- 31.000 € sono stati riconosciuti dalla conferenza Stato città per il potenziamento dei centri estivi.
E’ importante evidenziare ulteriormente che la salvaguardia presentata al consiglio comunale è in continua evoluzione per vari fattori qui solo elencati: la ri-progettazione dei singoli servizi, in particolare quelli scolastici, gli sforzi fatti da tutti gli uffici nel quantificare la portata economica degli effetti, il sostegno economico che viene riconosciuto dal bilancio dello Stato e della Regione Emilia Romagna a tutti gli enti locali.

Sintesi Salvaguardia
A fronte di maggiori entrate, compresi i fondi statali, pari a oltre 780.000 € per parte corrente,
- una minore entrata, (compreso il c.d. effetto covid) pari a oltre 875.000 €, l’amministrazione ha applicato un avanzo di amministrazione alla parte corrente pari a 92.000 € (di cui 22.000,00 euro vincolati per spese del referendum)
Per quanto riguarda il conto capitale,
- la minore entrata più rilevante è quella relativa ai permessi a costruire pari a 150.000,00 €,  con contestuale riduzione di alcuni interventi in economia e l’avanzo di amministrazione applicato è pari a 10.000,00 €.
Ad oggi l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione, sia per parte corrente sia per parte in conto capitale, è stato limitato grazie all’utilizzo dei risparmi provenienti dalla rinegoziazione dei mutui per l’anno 2020 pari a oltre 217.000 € comprensivi di quota capitale e interessi.
Le incognite principali che gravano sul bilancio degli enti locali e più in generale su quello statale, sono riconducibili ai versamenti dell’IMU e dell’addizionale IRPEF in quanto le difficoltà economiche delle famiglie e delle imprese comporteranno verosimilmente dei ritardi nei pagamenti o dei mancati pagamenti che saranno quantificabili numericamente a settembre e dicembre, in relazione all’imposta municipale, mentre occorrerà attendere il consuntivo per registrare il reale scostamento relativo all’Irpef.

Fra i singoli provvedimenti adottati in questi sei mesi dall’Amministrazione per fronteggiare la crisi è importante ricordare:

  • il bonus per le famiglie erogato in tempi record degli uffici dell’Unione Savena Idice, durante le festività pasquali grazie il fondo statale. L’importo erogato è stato pari a 73 mila euro, per un totale circa di 150 nuclei beneficiari.
  • le donazioni versate sul conto corrente dedicato che hai raccolto circa oltre 40.000 €
  • la spesa sospesa erogata indicativamente oltre 100 nuclei settimanalmente grazie la collaborazione fra i supermercati del territorio, Arci Ozzano e i volontari tutti delle associazioni di Ozzano
  • l’acquisto di strumenti tecnologici per gli studenti dell’Istituto comprensivo in difficoltà economica per poter seguire le lezioni da casa impegno economico indicativamente di 3000 €

Per concludere
Di fronte a un quadro in costante evoluzione, alle incertezze per le nostre famiglie e per le nostre imprese sotto l'aspetto lavorativo, dei redditi e dei servizi per la collettività, questa amministrazione vuole confermare ancora una volta la certezza di una costante attenzione a tutte le singole istanze affinché, grazie alla solidarietà collettiva,  nessuno venga lasciato solo.

 

Matteo Di Oto

Assessore con delega a: Personale, Bilancio, Tributi, Turismo e Gemellaggi.

Data dell'articolo: 

30 Luglio 2020