Coronavirus: spostamenti tra Comuni per ragioni di spesa

Quando lo spostamento fuori Comune per fare la spesa è consentito
Fare la spesa rientra tra le cause giustificative degli spostamenti

Sono molte le persone, che a seguito dei vari provvedimenti governativi che si sono succeduti, non hanno ben chiaro quando ci si può spostare fuori Comune per comprare generi alimentari.

Riportiamo quanto contentuo nel sito della Regione Emilia-Romagna su questo specifico quesito:

"sul tema si è pronunciata con una specifica FAQ la Presidenza del Consiglio dei Ministri secondo la quale: "Gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si abita sono vietati, salvo che per specifiche esigenze o necessità. Fare la spesa rientra sempre tra le cause giustificative degli spostamenti. Laddove, quindi, il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito entro tali limiti che dovranno essere autocertificati".
 
A tale riguardo:

  • nel concetto di "spesa" rientrano le spese per generi alimentari;
  • lo spostamento verso un comune diverso da quello in cui si abita è da considerarsi legittimo, alla luce del contenuto della Faq in argomento, ove venga rispettato il criterio della contiguità e vicinanza territoriale indicato nella FAQ."

Data dell'articolo: 

19 Gennaio 2021