Coronavirus: tutto quello che c'è da sapere

Le informazioni, le misure di prevenzione, gli sconti sui servizi e tutti gli aggiornamenti.
Coronavirus: tutto quello che c'è da sapere

News in tempo reale dalla Città Metropolitana di Bologna

Cosa prevedono i Decreti del Premier Conte e le Ordinanze regionali fino al 3 aprile:

In allegato il testo del nuovo DPCM firmato  dal Presidente del Consiglio Conte

Anche per il territorio della città metropolitana di Bologna sono previste nuove ULTERIORI PRESCRIZIONI oltre ad essere confermate le misure già in vigore. Tra le novità:

Sono SOSPESE le attività per pub, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, scuole di ballo, discoteche e locali assimilati (con sanzione in caso di violazione).

Sono SOSPESE le aperture dei musei e degli altri luoghi della cultura comprese le biblioteche.

LIMITAZIONI DEGLI SPOSTAMENTI da e verso altri Comuni diversi da quello di residenza e anche all'interno del proprio territorio comunali. Spostamenti consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione e residenza.

 

Coronavirus. Apertura di bar e attività di ristorazione esclusivamente dalle 6 alle 18 estesa a tutta l'Emilia-Romagna, ma chiusura totale di sabato e di domenica: nuova ordinanza firmata dal presidente Bonaccini.

La misura in vigore dal 10 marzo  fino al 3 aprile. Anche eventi sportivi (e allenamenti) a porte chiuse permessi ai soli atleti professionisti, non più agli agonisti, in tutte le province. E dall'11 marzo, taxisti e NCC dovranno indossare mascherina e guanti

Bologna – L’apertura di attività di ristorazione e bar dalle ore 6 alle 18, con  chiusura totale di sabato e di domenica estesa a tutto il territorio dell’Emilia-Romagna. Quindi anche nelle province di Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena, dopo che il Decreto governativo del 9 marzo aveva già introdotto la misura restrittiva anti-coronavirus nelle altre cinque province della regione: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Rimini.

 

Lo prevede l’Ordinanza da poco firmata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini.
 
La nuova misura su attività di ristorazione e bar entra in vigore dall' 11 marzo e fino al prossimo 3 aprile.
 
Durante l’apertura, resta l’obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione.
 
L’Ordinanza prevede l’estensione alle quattro province, e quindi la validità in tutto il territorio regionale, di una seconda misura. Quella relativa alla sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati: sempre da domani, allenamenti compresi, saranno consentiti solo agli atleti professionisti e di categoria assoluta che partecipano ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali, purché all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico. In precedenza, tale possibilità nelle quattro province era concessa anche agli atleti agonisti.
 
Infine, l’atto del presidente della Regione prevede che taxisti e autisti di mezzi a noleggio con conducente debbano indossare mascherina e guanti, e si raccomanda loro di eseguire con regolarità sanificazioni del veicolo. Quest’ultima misura sarà in vigore da mercoledì 11 marzo, per consentire loro di acquisire quanto necessario. Obbligo di mascherine e guanti anche per parrucchieri/e, estetiste, tatuatori.

 

Per approfondimenti vedi Pagina Facebook Città Metropolitana di Bologna