Accertamento di compatibilità paesaggistica per interventi eseguiti in immobili ad uso residenziale

 

L'accertamento di compatibilità paesaggistica è disciplinato dalla seguente normativa: D.Lgs. 42/2004  

Modalità di presentazione

  La domanda per il rilascio di accertamento di compatibilità paesaggistica, sottoscritta dal proprietario o dall'avente titolo è presentata al Comune di Ozzano dell'Emilia -  Servizio Assetto del Territorio utilizzando la modulistica predisposta dall'Ente.

Alla domanda si allega una dettagliata relazione paesaggistica i cui criteri di redazione sono contenuti nell'allegato al DPCM del 12/12/2005 ed una perizia di stima del profitto conseguito dalle opere abusive e sottoscritto da tecnico abilitato.

Note: 

Informazioni dell'ufficio Servizi di Staff, economato e provveditorato

Lunedì dalle ore 15.30 alle ore 18.00, Martedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, Sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.00

Orario estivo nei mesi di LUGLIO e AGOSTO : Lunedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 - Martedì e giovedì dalle ore 10.30 alle ore 13.30

(mercoledì, venerdì e sabato: chiuso) 

Indirizzo: Via della Repubblica, 10

CAP: 40064

Città Ozzano dell'Emilia

Telefono: 051 791343

E-mail: lavoripubblici@comune.ozzano.bo.it 

PEC: comune.ozzano@cert.provincia.bo.it

Responsabile del procedimento: Geom. Maura Tassinari

Telefono: 051 791356

E-mail: urbanistica@comune.ozzano.bo.it

Sostituto in caso di inerzia: Responsabile Settore Gestione del Territorio Francesca Gozzi

E-mail: francesca.gozzi@comune.ozzano.bo.it

Altre specifiche o informazioni

Nelle zone del territorio comunale sottoposte a vincolo paesaggistico ambientale la sanatoria di opere edilizie è possibile nei soli casi tassativamente previsti dall'art. 167 del D.Lgs 42/2004, e previo ottenimento dell’accertamento di compatibilità paesaggistica.

Qualora venga accertata la compatibilità paesaggistica, il proprietario, possessore o detentore dell'immobile o dell'area è tenuto al pagamento di una somma equivalente al maggiore importo tra il danno arrecato e il profitto conseguito mediante la trasgressione.

In caso di rigetto della domanda si applica la sanzione demolitoria.

Contribuzione a carico del richiedente:

  • diritti di segreteria (da versarsi al deposito della suddetta richiesta)
  • sanzione (da versarsi entro il termine indicato nell'ordinanza ingiunzione)
  • bolli del valore corrente (sulla richiesta e sull'autorizzazione di accertamento di compatibilità paesaggistica)