Accertamento di compatibilità paesaggistica per interventi eseguiti in immobili ad uso residenziale

 

L'accertamento di compatibilità paesaggistica è disciplinato dalla seguente normativa: D.Lgs. 42/2004  

Modalità di presentazione

  La domanda per il rilascio di accertamento di compatibilità paesaggistica, sottoscritta dal proprietario o dall'avente titolo è presentata al Comune di Ozzano dell'Emilia -  Servizio Assetto del Territorio utilizzando la modulistica predisposta dall'Ente.

Alla domanda si allega una dettagliata relazione paesaggistica i cui criteri di redazione sono contenuti nell'allegato al DPCM del 12/12/2005 ed una perizia di stima del profitto conseguito dalle opere abusive e sottoscritto da tecnico abilitato.

Note: 

Per informazioni: Servizio Assetto del Territorio

Lunedì dalle ore 15.30 alle ore 18.00, Martedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, Sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.00

Orario estivo nei mesi di LUGLIO e AGOSTO : Lunedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 - Martedì e giovedì dalle ore 10.30 alle ore 13.30

(mercoledì, venerdì e sabato: chiuso) 

Indirizzo: Via della Repubblica, 10

CAP: 40064

Città Ozzano dell'Emilia

Telefono: 051 791371

E-mail: sue@comune.ozzano.bo.it 

PEC: comune.ozzano@cert.provincia.bo.it

Responsabile del procedimento: Responsabile Settore Programmazione e Gestione del Territorio geom. Maura Tassinari

E-mail: urbanistica@comune.ozzano.bo.it

 

Sostituto in caso di inerzia: Segretario generale Valeria Villa

Telefono: 051791350

E-mail: segreteria@comune.ozzano.bo.it

 

Altre specifiche o informazioni

Nelle zone del territorio comunale sottoposte a vincolo paesaggistico ambientale la sanatoria di opere edilizie è possibile nei soli casi tassativamente previsti dall'art. 167 del D.Lgs 42/2004, e previo ottenimento dell’accertamento di compatibilità paesaggistica.

Qualora venga accertata la compatibilità paesaggistica, il proprietario, possessore o detentore dell'immobile o dell'area è tenuto al pagamento di una somma equivalente al maggiore importo tra il danno arrecato e il profitto conseguito mediante la trasgressione.

In caso di rigetto della domanda si applica la sanzione demolitoria.

Contribuzione a carico del richiedente:

  • diritti di segreteria (da versarsi al deposito della suddetta richiesta)
  • sanzione (da versarsi entro il termine indicato nell'ordinanza ingiunzione)
  • bolli del valore corrente (sulla richiesta e sull'autorizzazione di accertamento di compatibilità paesaggistica)