Procedimento di "Autorizzazione alla cremazione di salma"

 

La cremazione di una salma, di resti mortali o resti ossei può essere chiesta dai familiari o loro incaricati, sulla base della volontà testamentaria espressa in tal senso dal defunto.

In mancanza di disposizione testamentaria la volontà può essere manifestata dal coniuge e, in difetto, dal parente più prossimo (individuati ai sensi dell’art. 74 e seguenti del C.C.) e nel caso di concorrenza di più parenti nello stesso grado, da tutti gli stessi.

Requisiti

  • Essere coniuge o parenti prossimi o incaricati dai familiari (Agenzie di Pompe Funebri);
  • Essere a conoscenza della volontà alla cremazione espressa in vita dal defunto.

Modalità di presentazione

Direttamente presso l’Ufficio di Polizia Mortuaria/Stato Civile del Municipio.

L’autorizzazione alla cremazione viene rilasciata contestualmente dall'ufficiale dello Stato Civile.

Specifiche sulla documentazione

DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA:

1) ISTANZA PER LA CREMAZIONE DI SALMA con allegati i seguenti documenti:

a) Manifestazione della volontà alla cremazione (indicare quale si allega)

  • Dichiarazione testamentaria del defunto.
  • Dichiarazione resa in vita dal defunto, convalidata dal Presidente di una delle associazioni previste dall’art 79 del Regolamento di Polizia Mortuaria, alla quale era iscritto il defunto.
  • Atto scritto con sottoscrizione autentica dal quale risulta la volontà del coniuge e/o dei dei parenti di procedere alla cremazione del proprio congiunto.

b) Certificato del medico curante o del Medico necroscopo dal quale risulta escluso il sospetto di morte dovuta a reato, rilasciato in data_____;

oppure:

NULLA OSTA dell’Autorità giudiziaria nel caso di morte improvvisa o violenta o comunque sospetta.

c) Permesso di seppellimento rilasciato in data_____.

d) Documentazione soggetta a imposta di bollo

2) ISTANZA PER LA CREMAZIONE DI RESTI MORTALI O RESTI OSSEI con allegati i seguenti documenti:

Manifestazione della volontà alla cremazione (indicare quale si allega)

  • Dichiarazione testamentaria del defunto.
  • Dichiarazione resa in vita dal defunto, convalidata dal Presidente di una delle associazioni previste dall’art 79 del Regolamento di Polizia Mortuaria, alla quale era iscritto il defunto.
  • Atto scritto con sottoscrizione autentica dal quale risulta la volontà del coniuge e/o dei dei parenti di procedere alla cremazione del proprio congiunto.

Note: 

Altre specifiche o informazioni

RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 79 DPR 285/1990, Circolare Min. Sanità n. 24 del 24 giugno 1993, Circolare Min. Interno n. 37 dell’1/9/2004, Legge n. 130/2001, Legge Regionale n. 19/2004

Il Responsabile del Procedimento è l'Ufficiale di Stato Civile che prende in carico la richiesta e che segue la pratica. Il suo nome viene comunicato al momento di presentazione dell'istanza.

In caso di contenzioso è competente il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale).